Home
L'Associazione
Cosa offriamo
Prossimi eventi
Fotogalleria
Approfondimenti
Cultura massafrese
Chi siamo
Contatti
Statuto
Massafra sotterranea
Libri
Cultura massafrese
TdP Osservatorio permanente
per la valorizzazione della cultura e del patrimonio pugliese

SOPRANNOMI
 

Una raccolta di soprannomi può costituire un importante testimone delle radici in cui ciascuno si può identificare, tanto che essi, al di là delle ingiurie più o meno esplicite, dispregi e simili, sono comunque documenti di appartenenza a famiglie "doc" di Massafra.
 
Càndere
Cannelóre
Capacchióne
Caparèdde
Caparróne
Capasìedde
Capasóne
Capetène
Capòdde
Capóne
Cappeddère
Cappeddóne
Cappeddùzze
Cappìedde
Capurèle
Caputìelle
Carbenìere
Cardellicchie
Carenìedde
Carevóne
Cariànne
Carnevèle
Carrettóne
Carunèdde
Cassòtte
Cattive
Cavadde
Cavaddòne
Cavùre
 

Sarei molto grato a chi, sollecitato da questi argomenti, volesse indicarmi altri soprannomi, proverbi ed altro (originali massafresi) per arricchire la raccolta, scrivendo a:

cosimomottolese@hotmail.com

FILASTROCCA


Sulle dita di una mano del bambino, a cominciare dal pollice, fino al mignolino:

Cusse vé accatte lu sèle
cusse vé accatte lu pène
cusse vé accatte lo farine
cusse vé accatte lo paste
e cusse què, ch' è piccennudde,
piperenzicchie e non gè nnudde
piperenzicchie e non gè nnudde.
 
SCIOGLILINGUA

Jinde a nna gròtte stève na nina catracòppe.
Disse o nina catracòppe alli tridesce catracuppìedde:
quanne avìte a 'ngatracuppè e scatracuppè
cóme 'ngatròppene e scatròppene i nine catracòppe?
E lli tridesce catracuppìedde rispunnèrene:
quanne fascime granne a ma 'ngatruppè e scatracuppè
come 'ngatròppene e scatròppene i nine catracòppe.


 Ovviamente, la nina catracòppe e i suoi figlioletti catracuppìedde sono nomi di fantasia!

PROVERBI MASSAFRESI
 
I proverbi possono esse letti, studiati ed interpretati sotto diversi aspetti, sicchè possiamo ricavarne, oltre ai "messaggi" (funzione morale), anche diverse informazioni di ordine storico ed etico sulle generazioni nel corso delle quali essi sono maturati (funzione storica): possiamo dedurre i principi morali ai quali era improntata la vita privata e sociale, nonchè informazioni sulle vicissitudini del popolo, sulle abitudini e sugli usi e costumi.

Sotto le forme più diverse -seria, faceta, aneddotica, beffarda, ironica, sarcastica- essi contengono i messaggi più diversi, che possono essere etici, prammatici, riguardare l' amore, la salute, la cucina, la bellezza, il tempo, le stagioni.

Qui di seguito riporto alcuni proverbi massafresi tratti dalla mia collezione, di prossima (spero) pubblicazione.

   PROVERBI MASSAFRESI SUL NATALE

   Ci vuò fè gròsse lo picceddète,
   Natèle assutte e Pasque ammuddète
   Se vuoi fare grossa la torta,
   Natale asciutto e Pasqua bagnato
 
   Fine a Natèle nó ffridde e nó ffème,
   da Natèle avande trèmene l' infante.
   Fino a Natale nè freddo nè fame,
   da Natale in poi tremano gli infanti.

   Tré vvòlde l' anne abbòlle je:
   de Pasque, de Natèle e l' ùltema die de Carnevèle
   Tre volte l' anno ballo io: di Pasqua, di Natale e l' ultimo giorno di Carnevale.
     Pasque e Natèle addó t' acchie,
   Carnevèle vé fòlle a ccaste
   Pasqua e Natale dovunque ti trovi,
   Carnevale vai a farlo a casa.

   Filastrocca

   Arrive Natèle che sènza denère
   me pigghie lo pippe
   e me mètte a sunè

Se incontri difficoltà nel leggere le parole dialettali, consulta il documento Note sulla fonetica del dialetto massafrese, nella pagina Approfondimenti.

Amministratore: Cosimo Mottolese cosimomottolese@hotmail.com

https://s6.shinystat.com/cgi-bin/shinystat.cgi?USER=associazioneTdP&NRD=1-0a%20alt=%22Contatore%20sito%22%20style=%22border:0px%22%20https://www.google.it/?gws_rd=ssl